~ Viaggio a Palermo, breve guida part. 2 ~

~ Viaggio a Palermo, breve guida part. 2 ~

Scelta un anno fa dalla giuria del ministero dei Beni culturali tra dieci città candidate, Palermo è Capitale italiana della Cultura per il 2018. Proponiamo qui una breve fuga nel capoluogo normanno, città con una storia millenaria di luoghi unici e caratterizzata da un’affascinante mescolanza di culture che convivono da secoli. Un itinerario di 3 giorni, dove sarà impossibile non innamorarsi della conca d’oro, dei suoi vicoli, dei mercati, dei percorsi sotterranei, tra le deliziose brioche con gelato, il buon rosso siciciliano e la meravigliosa spiaggia di Mondello.

 

Mappa Percorso

Il nostro itinerario parte dalla visita al centro della città di Palermo. Se alloggiamo nei dintorni di piazza Politeama il nostro tour può partire proprio da lì. Di fronte a questa piazza si ammira il Teatro Politeama (foto sopra), che risale all’800 e mostra un frontale ad Arco e forma sferica con un colonnato e la statua di Ruggero Settimo. Scendendo si giunge alla via dello shopping, vale a dire via R. Settimo, fino ad arrivare al Teatro Massimo in piazza Verdi (foto sotto), il terzo teatro lirico d’Europa per dimensioni: si narra sia infestato dal fantasma di una suora, la cui tomba fu profanata involontariamente durante la costruzione del teatro.

Teatro Massimo

Girando dietro al teatro passando per porta Carini si giunge al Mercato del Capo, ed alla chiesa dell’Immacolata Concezione e a quella di Sant’Agostino. Siamo in pieno centro storico, dove sfrecciano senza sosta le carrozzelle con turisti a passeggio. Proseguendo per viuzze arriviamo alla maestosa Cattedrale S. Vergine Maria Assunta, in stile gotico (foto sotto), anche moschea quando i saraceni invasero Palermo: all’interno si trovano pregevoli opere di maestri siciliani e la cappella di Santa Rosalia, con le sue reliquie e le tombe reali.

 

Cattedrale di Palermo – sito Unesco

Dopo un breve spuntino in una delle tante rosticcerie della città si può continuare la passeggiata verso Porta Nuova e il Palazzo dei Normanni, sede della Regione (foto sotto, esterno). All’interno del Palazzo dei Normanni si trova la cappella Palatina (foto sotto), il cui biglietto d’ingresso costa 7 euro.  Si tratta di una delle chiese più belle al mondo, con tanti marmi ed intarsi ispirati al periodo bizantino. Uscendo dalla chiesa si passa per San Giovanni degli Eremiti, che ha una struttura molto particolare sormontata da cupole rosse che ricordano una moschea.

 

Palazzo Rale – dei Normanni

 

Cappella Palatina – Palazzo Reale

Un vista molto interessante è al convento dei cappuccini nelle cui Catacombe vi sono 8000 corpi mummificati. La particolarità di queste catacombe sta nel modo in cui i corpi erano imbalsamati, che ha permesso loro di conservarsi benissimo. La salma della piccola Rosalia, il cui volto intatto le è valso il soprannome di bella addormentata, è tra le mummie in Italia più famose. Dopo questa visita macabra si prosegue entrando in Ballarò, rimasto il maggior mercato della città. In questi mercati si vende davvero di tutto tra urla e grida di venditori.

 

Mercato Ballarò

 

Da qui si può rientrare verso i Quattro Canti, piazzetta del 1600 con 4 angoli smussati ed occupati da edifici barocchi con  le 4 fontane che ne decorano gli angoli.

 

Quattro Canti

 

…domani l’itinerario del 2° giorno!

 

(Da buongiornoslovacchia)


Scopri i percorsi che abbiamo selezionato per i nostri soci!
Il Percorso UNESCO coniuga le eccellenze del gusto e della cultura

Percorso UNESCO Arabo-Normanno

Nessun commento

Invia un commento

error: Content is protected